homepage05.jpg
Home|Chi siamo|Prodotti|Marchi|Utilità|Falesie|Gallery|Eventi|Link
Il sistema di vestizione Stampa E-mail
martedì 10 luglio 2007
Per rimanere asciutti e mantenere il comfort è necessario scegliere il sistema di abbigliamento più appropriato per le condizioni atmosferiche previste e per l‘attività che si andrà a svolgere, imparare ad utilizzarlo a proprio vantaggio e saperlo adattare in base ai cambiamenti del tempo e a livello di sforzo fisico. I più moderni sistemi di abbigliamento si compongono di tre strati di indumenti sovrapposti tra di loro: l’intimo a contatto con la pelle, uno strato intermedio isolante e quello esterno di protezione. Questi strati possono essere utilizzati in un vastissimo range di combinazioni e servono a controllare e rendere più agevole il trasferimento termico e a prevenire situazioni di non comfort.
  • Lo strato intimo/wicking (strato base): il termine “wicking” si riferisce a trasferimento dell’umidità verso l’esterno. Non deve essere confuso con la “traspirabilità”, che invece si riferisce alla fuoriuscita del vapore acqueo. Lo strato intimo/wicking viene indossato a contatto con la pelle ed è formato da una combinazione di fibre sintetiche non assorbenti che isolano e allo stesso tempo facilitano l’allontanamento dell’umidità liquida dalla pelle.
  • Lo strato coibente: lo strato isolante viene indossato sopra l’indumento intimo e può essere costituito da un’ampia varietà di tessuti isolanti. I moderni sistemi di abbigliamento includono spesso isolanti sintetici, perché questi tendono a mantenere invariate le loro capacità isolanti anche se bagnati. Inoltre le fibre sintetiche tendono a respingere i liquidi meglio delle fibre naturali e ad asciugare meglio degli isolanti naturali perché sono meno assorbenti.

  • Lo strato protettivo esterno: questo strato è solitamente chiamato “abbigliamento esterno” e gioca un ruolo vitale nella prevenzione delle situazioni di non comfort. L‘indossare capi bagnati, infatti, si traduce in una rapida perdita di calore corporeo. Per prevenire la perdita conduttiva di calore e, di conseguenza, di comfort, l’abbigliamento esterno deve mantenere asciutto lo strato isolante intermedio. Deve essere impermeabile per impedire all’acqua di penetrare all’interno dell’indumento e deve essere traspirante per proteggere lo strato intermedio dal ristagno di umidità corporea. Per prevenire la perdita convettiva di calore è necessario che l‘abbigliamento indossato sia anche antivento.
(Tratto da “manuale per il punto vendita” W.L. Gore & Associates)


Ultimo aggiornamento ( mercoledì 26 settembre 2007 )
 
Pros. >
Torna su